'Bianca' 2018 Verdicchio dei Castelli di Jesi Cl. Sup. - Azienda Vitivinicola Socci

Siamo i ragazzi di oggi, noi. Ci piacciono le cose veloci, i soldi facili, i lavori futili. Le case fredde da copertina, le macchine bianche. Un solo assaggio in piatti giganti. Le etichette flat, due colori, scritte poche, font rigorosamente helvetica (oppure handwritten, però fatto al computer). I vini scarni, semplici, magari over-complessi, didascalici, scanditi alla perfezione, in un crescendo sfumato. Sfumato alla perfezione. Ripetiamo sempre le stesse cose, non sappiamo bene il perché. Non sappiamo bene nemmeno cos'è che ci piace, secondo me.
Però, dato l'assunto, i vini di Marika e Pierluigi Socci non ci piacciono.


Le etichette colorate, naif, tutte diverse senza una logica. Quella di Bianca, ad esempio, raffigura un dipinto giovanile di Pierluigi, incorniciato e stampato su filigrana ruvida. Che volgarità. Dietro ci sta un papiro pieno di informazioni e bollini, e decisamente troppi caratteri serif. E poi, siamo seri, 15 gradi per un bianco?!


Si chiama Bianca, eppure è tutta d'oro. Anche al naso è un continuo lampeggiare bianco e giallo, acacia e camomilla, latte di mandorla e miele. Tanta dolcezza solcata a tratti da una scia salmastra che in bocca si concreta in una sapidità prorompente, miscelata in un sorso di buon equilibrio nonostante il grado alcolico, tonico e comunque morbido ed avvolgente, confortevole. Tenendo il muso dentro al bicchiere si percepisce come una fragranza di talco che sa di buono e di pulito, di purezza, un profumo evocativo, un ricordo d'infanzia, una coccola.
È un Verdicchio sui generis, vinificato con un sistema innovativo (del quale potete leggere nel papiro di cui sopra) che ne caratterizza i tratti, eppure nel suo complesso è certamente un vino dei Socci da Montedeserto.

 
E noi, pensandoci bene, i vini di Marika e Pierluigi forse non ce li meritiamo: vini personali, anzi famigliari, intimi, ma non per questo riservati. Ce ne fossero di persone così, disposte a mettere tutte loro stesse in una bottiglia e a lasciarsi bere.

Abbinamento con tagliatelle mascarpone e prosciutto crudo, perché mi ispirava così.



Azienda Vitivinicola Socci di Marasà Floriana
_
Indirizzo: Via Monticelli, 18 - 60031 Castelplanio AN
Tel: +39 348 650 6237

Commenti

  1. If your printer is not extruding enough plastic to fill the gap between nozzle and bed , you'll find yourself with adhesion problems. Too much, or over-extrusion and you have got} excess filament wants to|that should} go somewhere. Nearly something have the ability to|you possibly can} imagine can be became a design that can be be} 3D printed. 3D printers are helping designers, engineers, and even on a regular basis} individuals create complicated objects in methods earlier manufacturing strategies weren’t able to. The materials used for 3D printing are as various because the merchandise that end result from the process. As such, 3D printing is versatile enough to Portable toilets permit manufacturers to determine out} the shape, texture and energy of a product.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari

Insta-Indigeno

Copyright

I contenuti presenti sul blog "Indigeno Marchigiano" dei quali è autore il proprietario del blog non possono essere copiati, riprodotti, pubblicati o redistribuiti perché appartenenti all'autore stesso. E’ vietata la copia e la riproduzione dei contenuti in qualsiasi modo o forma. E’ vietata la pubblicazione e la redistribuzione dei contenuti non autorizzata espressamente dall’autore.